Bonifacio Stefani da Ragusa (16th century)

Liber de perenni cultu Terrae Sanctae, Venezia, 1875

Boniface Stefani of Ragusa was twice elected Custos of the Holy Land, first in 1551 and again in 1564. In his Liber de perenni cultu Terrae Sanctae, published in Venice in 1573, like his contemporaries he describes for us the ruins he believed to be those of Capernaum, in which signs of the ancient civilization could be seen, an indication of the difficulty in identifying Capernaum at that time:

Discendendo per la stessa via verso il mare si presenta per prima Cafarnao, la città famosa per il miracolo e per la predicazione di Cristo; in essa infatti risanò il servo del centurione e il paralitico. Qui, prostrato a terra adoralo sia mentre predica sia quando compie miracoli; e poiché non potrai facilmente ritrovare il luogo esatto di questa città, visto che le sue rovine sono ricoperte di sabbia, ti indico come punto di riferimento due palme che si trovano - isolate – in mezzo ad essa.